Ernia e Laparocele Ny side 1

Niente può sostituire la visita di un chirurgo! Consultate il medico!

Visione migliore con una risoluzione di 1024 X 768

Nome utente:
Password:
Salva password

Registrazione
Selezione lingua


Hai dimenticato la Password?
Home  Forums  Responsabili  Libro Ospiti  FAQ  Regole  Registrazione  Contatti 
Menù principale 
Aggiungi a preferiti | Discussioni Attive (2) | I weblog | Discussioni Recenti | Dis.Senza Risposta | Sondaggi Attivi (0) | Calendario Eventi | Games | Cerca | Policy 
Menù utenti registrati 
Menù accessibile solo agli utenti registrati!  Registrazione
[ Membri Attivi: 0 | Membri Anonimi: 0 | Ospiti: 78 ]  [ Totale: 78 ]  [ Membro più recente: thewolf ] Scegli la Tonalità:
 Tutti i forum
 Italiano
 Chirurgia dell'ernia inguinale
 Ritorno a San Candido
(anche qui: 1 ospite.)
   Tutti gli Utenti possono inserire nuove Discussioni in questo Forum
   Tutti gli Utenti possono rispondere alle Discussioni in questo Forum
Vista Arborescenza
 Vers.Stampabile  Annota questa Discussione Annota 
Autore  Discussione Discussione Successiva  
gipi44

Membro iniziale

gipi44 is offline

 


 Spedito - 01/12/2017 :  15:47:40  Link diretto a questa discussione  Mostra Profilo Send gipi44 a Private Message  Aggiungi gipi44 alla Lista Amici  Aggiungi alla Lista Ignora
Ritorno a scrivere sul forum per raccontarvi la mia ultima esperienza.
Io vivo a Siracusa e fra poco compirò 74 anni. Nel 1983 sono stato operato di ernia inguinale destra a Siracusa con il metodo Bassini e nel 2012 di ernia inguinale sinistra in laparoscopia presso l'ospedale di San Candido.
Nel Gennaio di quest'anno improvvisamente scopro di avere un piccolo gonfiore al lato destro dell'inguine. Mi rendo subito conto che trattasi di una recidiva dell'ernia operata nel 1983 e comincio a pensare come affrontare il problema. Anche se l'ernia non mi da molto fastidio decido di farmi operare anche perchè, con l'avanzare dell'età, i problemi si complicano ed io ho deciso di farmi operare in laparoscopia.
L'esperienza del 2012 a San Candido è stata fantastica ma tra Siracusa e San Candido ci stanno 1600 Km.
Ritornare a San Candido,aldilà dei costi per viaggio e soggiorno,presenta alcuni inconvenienti:se durante l'intervento dovessero nascere dei problemi,io mi troverei solo a grande distanza da casa e se problemi dovessero presentarsi una volta a casa, il chirurgo sarebbe consultabile solo telefonicamente. Però io ho grande fiducia in quell'ospedale, nel suo personale e nei suoi chirurghi.
Ho cercato alternative in Sicilia e avevo trovato due chirurghi a Catania che avrebbero potuto operarmi in laparoscopia ma non ho trovato referenze di alcun tipo e non mi sono fidato. Ho così deciso di ritornare a San Candido.
Quest'estate ho telefonato all'ospedale per prenotare una visita con il primario Dott. Steiner(il chirurgo che mi aveva operato nel 2012) ma mi è stato detto che stava per andare in pensione e quindi non più disponibile.
Ricordando che theref era stato operato da un giovane chirurgo, ho cercato sul forum il suo nominativo ed ho scoperto che era ancora a San Candido e che era il responsabile del pronto soccorso di quell'ospedale.
Ho ritelefonato per farmi spiegare come farmi visitare da questo chirurgo e mi è stato spiegato che bastava presentarsi al pronto soccorso con una richiesta di visita, fatta da mio medico curante, per sospetta ernia inguinale.
Detto fatto: il 13 ottobre mattino mi presento al pronto soccorso dell'ospedale di San Candido. Quando arriva il mio turno, un'infermiera mi prepara per la visita del chirurgo;quando questi arriva, mi controlla per qualche secondo e conferma l'ernia; alla mia richiesta se fosse possibile essere operato di lì a qualche giorno, risponde che non è possibile perchè hanno troppo lavoro e c'è carenza di personale;dice che il primo giorno utile per operarmi è il 26 ottobre,altrimenti a novembre; la tecnica:TAPP in day hospital. Accetto la data del 26 ed il chirurgo, dopo avermi dato alcuni chiarimenti circa le modalità ed i pericoli dell'intervento, mi lascia nelle mani dell'infermiera.Si prosegue con i prelievi di sangue, il riempimento di alcuni moduli cartacei, il colloquio con l'anestesista e la visita cardiologica. Poi, ritorno a Siracusa.
Il 26 ottobre, pochi minuti prima delle ore 7, mi presento al reparto chirurgia dell'ospedale.
Un'infermiera mi controlla peso ed altezza,mi assegna il letto e mi invita ad indossare il pigiama Poco dopo, depilazione e clistere.Qualche minuto dopo mi fanno indossare il vestitino per la sala operatoria e le calze per evitare le trombosi.
Alle 7,45 sono davanti alla sala operatoria.Sono tranquillo.Faccio conversazione per alcuni minuti con l'anestesista e poi mi fanno entrare in sala operatoria. Mi stendo sul tavolo operatorio e mi fanno respirare un poco di ossigeno con la maschera. Poi più nulla.
Sono cosciente verso le ore 12.Ho la flebo sul braccio destro e un misuratore di pressione e cardiaco sul sinistro. Mi sento un pò ammaccato ma non ho dolori particolari.
Dopo qualche tempo arriva il chirurgo e mi dice che ho la parete addominale particolarmente debole; che ci sono stati problemi durante l'intervento perchè i tessuti tendevano a sfilacciarsi( non ricordo le parole esatte) e che quindi erano stati costretti ad effettuare delle suture per evitare pericoli di eventuali altre recidive; che in ogni caso potevo stare tranquillo perchè loro erano riusciti a sistemare tutto. La rete autofissante è stata di cm. 10x15.
Io soffro un poco di pressione alta e le parole del chirurgo mi preoccupano ( sono da solo a 1600 km da casa). Fatto sta che nel pomeriggio la pressione comincia a salire e malgrado la somministrazione di una pillola continua a salire.L'infermiera decide allora di consultare un medico che mi prescrive dei medicinali da inserire in flebo. Nella notte la pressione arriva a 240/135 e lo strumento che la misura va in allarme ogni 15 minuti.
Per mia fortuna la medicine fanno effetto e nella mattinata del 27 sono tornato alla normalità.
Verso le ore 9 del mattino il chirurgo con l'ecografo mi controlla la rete, dice che è tutto a posto e mi fa dimettere.
Comincio il percorso di ritorno: taxi ospedale - stazione ferroviaria, treno San candido - Fortezza, treno Fortezza - Bolzano,altro treno Bolzano - Verona, autobus Stazione Verona - Aeroporto, aereo Verona - Catania, auto Catania - Siracusa.
Come sto: tutto sommato bene.
La convalescenza:i primi due giorni sto a casa; cammino bene ma sento qualche dolore alla zona operata ed al fianco, in corrispondenza del foro di entrata del trocar. Il dolore aumenta se tento di allacciarmi le scarpe e nel salire e scendere dal letto. Il terzo giorno vado dal medico per la medicazione: i punti in corrispondenza dei tre fori sono asciutti ma c'è una vasta zona dell'inguine piena di ematomi ed un piccolo ematoma alla base del pene. Al ritorno dal medico guido io l'auto.I giorni successivi malgrado qualche dolorino per entrare e uscire dall'auto, guido e vado a fare la spesa.
Dopo circa una settimana i dolori anzichè diminuire mi sembra che sono aumentati. Mi rimetto a letto per altri tre giorni, dopodichè ricomincio la solita vita.I dolorini vanno
scomparendo e dopo circa 20 giorni dall'intervento soltanto raramente avverto qualche fastidio e gli ematomi sono scomparsi. Oggi, dopo poco più di un mese dall'intervento, non ci penso più; mi preoccupo soltanto di non sollevare roba pesante. In definitiva,ritengo di essere stato un poco incosciente ma sono contento di essere
ritornato a San Candido.
Saluti a tutti ed in particolare a theref.



 Paese: Italy  ~  Invii: 31  ~  Utente dal: 31/07/2012  ~  UltimaVisita: 25/09/2020 -> Moderatore 
Marcello62

Moderatore


apnea

Marcello62 is offline

Membro Valutato:
Voti: 1

 
Top 5 Invii (4)

 1   Spedito - 02/12/2017 :  00:25:20  Link diretto a questa replica  Mostra Profilo Send Marcello62 a Private Message  Aggiungi Marcello62 alla Lista Amici  Aggiungi alla Lista Ignora
 » Soggetto: Re: Ritorno a San Candido
Ciao Giovanni,

diciamo che tutto è bene quel che finisce bene! Sono lieto che tu stia bene e che il problema ernia sia risolto al meglio. Certo, considerando le distanze e i possibili imprevisti, sei stato molto coraggioso nell'affrontare un'altra trasferta a San Candido, però ora si può dire che ne è valsa la pena.

Ti auguro di tornare presto alla tua completa normalità quotidiana e, se vuoi, rimani con noi per infondere un po' del tuo coraggio ai "fratelli d'ernia" che cercano un aiuto nel Forum.

Grazie per il tuo contributo e a presto,


firma di Marcello62 
Marcello

https://www.herniasurgery.it/forum/...&whichpage=1

  Miglior resoconto di esperienza

 Paese: Italy  ~  Invii: 3388  ~  Utente dal: 01/04/2009  ~  UltimaVisita: 16/07/2021 -> Moderatore  strLangGo_Top_Page00010
Sergio99

Membro iniziale

Sergio99 is offline

 


 2   Spedito - 03/12/2017 :  14:04:43  Link diretto a questa replica  Mostra Profilo Send Sergio99 a Private Message  Aggiungi Sergio99 alla Lista Amici  Aggiungi alla Lista Ignora
 » Soggetto: Re: Ritorno a San Candido
Complimenti per i tuo coraggio e per la tua determinazione.
Un bel viaggio.
Anche se e' facile immaginare puoi dirci che tipo di inormazione ti ha dato il chirurgo circa i pericoli dell intervento TAPP?



 Paese: Italy  ~  Invii: 10  ~  Utente dal: 04/10/2017  ~  UltimaVisita: 14/12/2017 -> Moderatore  strLangGo_Top_Page00010
gheppio59

Membro giovane

gheppio59 is offline

 
Top 50 Invii (34)

 3   Spedito - 03/12/2017 :  15:20:15  Link diretto a questa replica  Mostra Profilo Send gheppio59 a Private Message  Aggiungi gheppio59 alla Lista Amici  Aggiungi alla Lista Ignora
 » Soggetto: Re: Ritorno a San Candido
Complimenti Giovanni! La tua determinazione è ammirevole. Hai fatto bene a ritornare lì dove ti eri trovato bene.


 Paese: Italy  ~  Invii: 176  ~  Utente dal: 08/09/2017  ~  UltimaVisita: 21/11/2019 -> Moderatore  strLangGo_Top_Page00010
gipi44

Membro iniziale

gipi44 is offline

 


 4   Spedito - 03/12/2017 :  18:21:41  Link diretto a questa replica  Mostra Profilo Send gipi44 a Private Message  Aggiungi gipi44 alla Lista Amici  Aggiungi alla Lista Ignora
 » Soggetto: Re: Ritorno a San Candido
Per Sergio99:
Io sono tornato a San Candido avendo già scelto il chirurgo che mi doveva operare e la tecnica. Per quello che so io, a San Candido le ernie le operano esclusivamente in laparoscopia e con metodo TAPP. Di conseguenza i chiarimenti che mi ha dato il chirurgo, durante la visita, circa i pericoli dell'intervento a me non interessavano anche perchè io avevo già subito lo stesso intervento in quell'ospedale cinque anni fa ed i risultati erano stati ottimi.
http://www.herniasurgery.it/forum/t...OPIC_ID=3373
Di contro, dopo una esperienza molto dolorosa di intervento di ernia in Sicilia, sono diventato molto sospettoso e non mi sono fidato di Catania. Per pura curiosità, ti avevo chiesto notizie circa la tua visita dal noto chirurgo catanese esperto di laparoscopia nonchè docente della materia. Tu hai scritto che ti ha proposto la open. Ti sei chiesto il perchè? Mi permetto soltanto di suggerirti che forse c'è un problema di costi.
Spero di aver risposto alla tua domanda e ti porgo tanti saluti ed in bocca al lupo.



 Paese: Italy  ~  Invii: 31  ~  Utente dal: 31/07/2012  ~  UltimaVisita: 25/09/2020 -> Moderatore  strLangGo_Top_Page00010
theref

Nuovo membro

theref is offline

 


 5   Spedito - 03/12/2017 :  19:03:01  Link diretto a questa replica  Mostra Profilo Send theref a Private Message  Aggiungi theref alla Lista Amici  Aggiungi alla Lista Ignora
 » Soggetto: Re: Ritorno a San Candido
ciao gipi44
un esempio per tutti...alla tua età certe seghe mentali (scusa il termine) non puoi più farle...
se mi scrivevi potevo ospitarti qua vicino
chi ti ha operato il dott. Lunz? ci siamo stati per l'ernia cervicale della mia compagna ed anche là è stato risolutivo....
un saluto dai -9....
e avanti cosi ciao

da qualche mese sono assente per incompatibilità, leggo senza registrarmi,ma se arriva un'email le leggo volentieri



Modificato da - theref on 03/12/2017 19:06:38

 Paese: Italy  ~  Invii: 87  ~  Utente dal: 23/01/2012  ~  UltimaVisita: 11/11/2018 -> Moderatore  strLangGo_Top_Page00010
gipi44

Membro iniziale

gipi44 is offline

 


 6   Spedito - 03/12/2017 :  20:18:30  Link diretto a questa replica  Mostra Profilo Send gipi44 a Private Message  Aggiungi gipi44 alla Lista Amici  Aggiungi alla Lista Ignora
 » Soggetto: Re: Ritorno a San Candido
Ciao theref mi fa tanto piacere sentirti.
Ti ringrazio per la tua offerta di ospitalità e chissà se in futuro non avrò modo di utilizzarla.
Io ho mia moglie che ha problemi di cervicale e stiamo facendo degli esami.
A San Candido avevano un chirurgo ortopedico molto bravo, credo si chiami Basso, che ora è diventato primario a Brunico.
Il primario che mi aveva operato 5 anni fa è andato in pensione e quindi ho deciso di farmi operare dal Dott. Lunz. Dai pochi contatti che ho avuto con lui, non mi è sembrato molto loquace. Bisogna però dire che, in un anno, dall'ospedale sono andati via 6 medici e lui è molto impegnato. In ogni caso, mi ha spiegato il necessario prima e dopo l'intervento che non è stato semplice. Dopo, l'ho contattato per telefono due volte ed è stato gentilissimo.
La decisione di farmi operare da lui deriva dalla tua esperienza e dal fatto che per altri 5 anni ha continuato ad operare in quell'ospedale. Non mi sono sbagliato.
Un caro saluto. gipi44.



 Paese: Italy  ~  Invii: 31  ~  Utente dal: 31/07/2012  ~  UltimaVisita: 25/09/2020 -> Moderatore  strLangGo_Top_Page00010
theref

Nuovo membro

theref is offline

 


 7   Spedito - 03/12/2017 :  20:36:44  Link diretto a questa replica  Mostra Profilo Send theref a Private Message  Aggiungi theref alla Lista Amici  Aggiungi alla Lista Ignora
 » Soggetto: Re: Ritorno a San Candido
sisi Lunz parla poco ma fà il suo lavoro...quello che in italia manca...
Basso anche quello per altri problemi conosciamo la sua professionalità che sia sparito da S. Candido è normale ...dopo la maternità quel , purtruppo, piccolo ospedale, è destianato a sparire o restare per lungodegenza.....
misteri italiani....speriamo di preneder la pension...
un augurio di buone feste...perche se non scrivi tu mi sà che non ripasso......

ernia cervicale se non ci son miglioramenti direttamente a Bolzano, se ti serve ti dò i contatti



Modificato da - theref on 03/12/2017 20:39:33

 Paese: Italy  ~  Invii: 87  ~  Utente dal: 23/01/2012  ~  UltimaVisita: 11/11/2018 -> Moderatore  strLangGo_Top_Page00010
squartato

Membro medio

squartato is offline

Nota: 
 
Top 25 Invii (19)

 8   Spedito - 03/12/2017 :  21:26:32  Link diretto a questa replica  Mostra Profilo Send squartato a Private Message  Aggiungi squartato alla Lista Amici  Aggiungi alla Lista Ignora
 » Soggetto: Re: Ritorno a San Candido
Gipi fa piacere sentire che alla tua età un intevento cosi sia riuscito bene e con pochi problemi.

Vorrei domandarti, visto che la rete impiantata 10x15 è un bel "lenzuolo", e anzi ne hai due, se la cosa ti fa provare qualche sensazione come da corpo estraneo, se la parete addominale si sente meno elastica o ispessita, oppure se la presenza delle protesi è del tutto impercettibile e asintomatica ?

Per curiosità avevo provato a tagliare un foglietto 10x15, a dargli la forma della rete di un catalogo chirurgico (ce ne sono di quadrate o di sagomate sempre 10x15) e ad appoggiarlo sull'addome per rendermi conto dell'area interessata, e devo dire che è notevolmente ampia rispetto all'intero addome..



 Paese: Italy  ~  Invii: 482  ~  Utente dal: 10/11/2016  ~  UltimaVisita: 19/09/2021 -> Moderatore  strLangGo_Top_Page00010
gipi44

Membro iniziale

gipi44 is offline

 


 9   Spedito - 03/12/2017 :  23:08:11  Link diretto a questa replica  Mostra Profilo Send gipi44 a Private Message  Aggiungi gipi44 alla Lista Amici  Aggiungi alla Lista Ignora
 » Soggetto: Re: Ritorno a San Candido
Io sono magro: vestito peso 70 Kg e sono alto m.1,67; ritengo la mia pancia piccola.
Sul lato sinistro, operato 5 anni fa, come avevo scritto, per i primi 2 0 3 anni non ho sentito proprio niente. Poi in seguito ad uno sforzo, ogni tanto, ho un piccolo fastidio ma niente di chè. Sul lato destro operato poco più di un mese fa, per i primi 20 giorni avvertivo qualche dolore modesto alla zona inguinale ma oggi è tutto passato; raramente avverto qualche cosa.
Anche se operato con la TAPP per 2 volte, non sono esperto della tecnica; forse con la TAPP la rete è posizionata all'interno del corpo più che con la open. Io sento il mio addome perfettamente morbido e non mi rendo conto della presenza della rete.
Saluti.



 Paese: Italy  ~  Invii: 31  ~  Utente dal: 31/07/2012  ~  UltimaVisita: 25/09/2020 -> Moderatore  strLangGo_Top_Page00010
francer

Moderatore Nine Lives


francerino

francer is offline

Membro Valutato:
Voti: 6

 
Top 5 Invii (3)

 10   Spedito - 04/12/2017 :  17:52:08  Link diretto a questa replica  Mostra Profilo Send francer a Private Message  Aggiungi francer alla Lista Amici  Aggiungi alla Lista Ignora
 » Soggetto: Re: Ritorno a San Candido
fantastico gipi44

son proprio contento che tutto vada per il meglio

questa estate per altri motivi e per caso sono passato dal pronto soccorso dell'ospedale di brunico ed il chirurgo ci ha detto che anche lì operano l'ernia in laparoscopia


firma di francer 
Animula vagula blandula ....

  per frequenza e supporto

 Paese: Italy  ~  Invii: 5094  ~  Utente dal: 02/06/2008  ~  UltimaVisita: 02/03/2021 -> Moderatore  strLangGo_Top_Page00010
Jimmyy

Membro iniziale

Jimmyy is offline

 


 11   Spedito - 13/10/2018 :  10:37:11  Link diretto a questa replica  Mostra Profilo Send Jimmyy a Private Message  Aggiungi Jimmyy alla Lista Amici  Aggiungi alla Lista Ignora
 » Soggetto: Re: Ritorno a San Candido
Ciao gipi44
Come stai?
Mi sembra di aver capito che nella tua prima laparoscopia al San Candido hanno usato una rete e colla di fibrina, questa volta invece una rete autofissante.
Mi incuriosisce perché abbiano cambiato



 Paese: Italy  ~  Invii: 20  ~  Utente dal: 23/08/2018  ~  UltimaVisita: 26/03/2019 -> Moderatore  strLangGo_Top_Page00010
gipi44

Membro iniziale

gipi44 is offline

 


 12   Spedito - 14/10/2018 :  09:19:41  Link diretto a questa replica  Mostra Profilo Send gipi44 a Private Message  Aggiungi gipi44 alla Lista Amici  Aggiungi alla Lista Ignora
 » Soggetto: Re: Ritorno a San Candido
Io sto bene. Nessun problema con entrambi gli interventi.
Per quanto riguarda la differenza nelle reti, non so risponderti. Credo sia semplicemente un ammodernamento delle tecniche.



 Paese: Italy  ~  Invii: 31  ~  Utente dal: 31/07/2012  ~  UltimaVisita: 25/09/2020 -> Moderatore  strLangGo_Top_Page00010
Daniele79

Membro iniziale

Daniele79 is offline

 


 13   Spedito - 10/07/2021 :  20:49:37  Link diretto a questa replica  Mostra Profilo  Visita l'homepage di Daniele79 Send Daniele79 a Private Message  Aggiungi Daniele79 alla Lista Amici  Aggiungi alla Lista Ignora
 » Soggetto: Re: Ritorno a San Candido
quote:
ciao gipi44
un esempio per tutti...alla tua età certe seghe mentali (scusa il termine) non puoi più farle...
se mi scrivevi potevo ospitarti qua vicino
chi ti ha operato il dott. Lunz? ci siamo stati per l'ernia cervicale della mia compagna ed anche là è stato risolutivo....
un saluto dai -9....
e avanti cosi ciao

da qualche mese sono assente per incompatibilità, leggo senza registrarmi,ma se arriva un'email le leggo volentieri

Originariamente inviato da theref - 03/12/2017 :  19:03:01



Ciao Theref
Posso chiederti a distanza di anni come stai?
Anche io sono in procinto di farmi operare dal tuo stesso chirurgo a San candido per un ernia monolaterale in laparoscopia.
Un saluto



 Paese: Italy  ~  Invii: 4  ~  Utente dal: 05/07/2021  ~  UltimaVisita: Ieri -> Moderatore  strLangGo_Top_Page00010
squartato

Membro medio

squartato is offline

Nota: 
 
Top 25 Invii (19)

 14   Spedito - 12/07/2021 :  13:19:03  Link diretto a questa replica  Mostra Profilo Send squartato a Private Message  Aggiungi squartato alla Lista Amici  Aggiungi alla Lista Ignora
 » Soggetto: Re: Ritorno a San Candido
A san Candido si sono operate varie persone ma l'ultimo utente che c'è stato o perlomeno che ha raccontato la propria esperienza ha riportato una grave ischemia al testicolo.

Mi rende perplesso un ospedale che ha le sale operatorie quasi sempre libere, significa solo che fanno pochi interventi l'anno e la manualità a mio avviso con questo tipo di interventi ne risente non poco....



 Paese: Italy  ~  Invii: 482  ~  Utente dal: 10/11/2016  ~  UltimaVisita: 19/09/2021 -> Moderatore  strLangGo_Top_Page00010
Daniele79

Membro iniziale

Daniele79 is offline

 


 15   Spedito - Ieri :  19:06:04  Link diretto a questa replica  Mostra Profilo  Visita l'homepage di Daniele79 Send Daniele79 a Private Message  Aggiungi Daniele79 alla Lista Amici  Aggiungi alla Lista Ignora
 » Soggetto: Re: Ritorno a San Candido
ciao Squartato,
tra un paio di settimane mi sottoporrò all'operazione in Laparoscopia dx.
Il chirurgo di San Candido che mi deve operare mi è sembrato molto professionale e anche la struttura è ben organizzata.
Mi sono sembrati anche avanti nella tecnica in quanto mi è stato detto che non utilizzano più ne retine "autoancoranti" ne fissaggi con la colla , ne ovviamente fissata con punti, ma semplicemente inserita tra muscoli e peritoneo con metodo TAP.

Che dire, speriamo bene... un pò di paura c'è ma mi faccio coraggio.
Non mancherò di riportare esperienza post operatoria nel caso possa servire d'aiuto.





quote:
A san Candido si sono operate varie persone ma l'ultimo utente che c'è stato o perlomeno che ha raccontato la propria esperienza ha riportato una grave ischemia al testicolo.

Mi rende perplesso un ospedale che ha le sale operatorie quasi sempre libere, significa solo che fanno pochi interventi l'anno e la manualità a mio avviso con questo tipo di interventi ne risente non poco....


Originariamente inviato da squartato - 12/07/2021 :  13:19:03




 Paese: Italy  ~  Invii: 4  ~  Utente dal: 05/07/2021  ~  UltimaVisita: Ieri -> Moderatore  strLangGo_Top_Page00010
   Discussione Discussione Successiva  
 Vers.Stampabile  Annota questa Discussione Annota 
Vai a:
 Image Forums 2001 Questa pagina è stata generata in 0,88 secondi.

 

   Time edit/delete mod from superdeejay.net
Torino Ernia Powered By: Snitz Forums 2000 Version 3.4.07